sabato 15 novembre 2014

XXXIII del T.O. Mt 25,14-30



Il vangelo di questa domenica ci suggerisce come dobbiamo apprezzare e comportarci nel tempo nell'attesa della venuta del nostro Signore, come avviciniamo gli ultimi tempi attraverso la parabola dei talenti. Non c'è differenza tra coloro che ricevono di più e coloro che ricevono di meno. Tutti ricevono secondo la loro capacità. Ciò che importa è che il dono sia posto al servizio del Regno e che faccia crescere i beni del Regno che sono l'amore, la fraternità, la condivisione. La chiave principale della parabola non consiste nel produrre talenti, ma indica il modo in cui bisogna vivere la nostra relazione con Dio. E questo ci chiede la nostra fedeltà di compiere la volontà di Dio nella nostra vita. Essere fedeli vuol dire osservando i comandamenti del Maestro. Il Regno è rischio. Chi non vuole correre rischi, perde il Regno! Preghiamo il Signore perché ci doni il coraggio di mettere in gioco i nostri talenti per il Regno di Dio.

Reazioni:

0 commenti:

Posta un commento