sabato 7 marzo 2015

III Domenica di Quaresima - Gv 2,13-25


Carissimi fratelli, ci troviamo nella terza domenica di quaresima e il nostro brano ci porta a un elemento molto importante in questo cammino verso la Pasqua del nostro Signore. Gesù entra nel tempio e scaccia tutti fuori. Toccando il tempio, Gesù agisce contro gli ambiti economici, religiosi e politici degli scribi e farisei. La concentrazione oggi è quella del significato dell’azione di Gesù. L’episodio ci suggerisce un gesto di pulizia interiore prima della Pasqua. Vale la pena ricordare che alla vigilia della Pasqua ebraica il capo di ogni famiglia accuratamente raccoglieva tutto il fermento in casa, fino a fare una pulizia generale. Spinto dalla pratica della cultura ebraica anche Gesù ha dovuto pulire la casa di suo Padre. Se il nostro corpo è il tempio di Dio, ci vuole una purificazione sia fisica che spirituale, il nostro corpo è la dimora di Dio. Gesù purificando il tempio ha dato un segno (distruggete questo tempio e in tre giorno lo farò risorgere) a chi lo richiedeva, per dimostrare la piena responsabilità delle sue azioni. Gesù agisce non per divertirsi quanto vuole, ma per il compimento della signoria di Dio. "O Dio facci preparare il nostro cuore in questa settimana perché possiamo condividere il tuo amore ardente verso tuo Padre".

Reazioni:

0 commenti:

Posta un commento