venerdì 3 gennaio 2014

II Domenica dopo Natale Gv 1,1-18


L’inizio del Vangelo che oggi la liturgia ci invita ad ascoltare è come un solenne portale d’ingresso alla comprensione della persona di Gesù di Nazareth, del Dio fatto uomo per vivere con noi. Nel tempo egli assunse la nostra carne, si fece uno di noi per poterci rivelare l’identità di Dio. Egli solo è in grado di rivelarci la realtà profonda di Dio dal momento che ne è il Figlio unico, la sua Parola fatta carne. E la realtà più profonda che Gesù ci ha rivelato essere di Dio è che Lui è «Padre», un «Padre» che ama noi, i suoi figli. Cerchiamo di vivere sempre con questa consapevolezza di essere amati da Dio!

Reazioni:

0 commenti:

Posta un commento